Login come autore o invia i tuoi articoli a:

- con coltelli e uncini nel giorno di Capodanno

 
Una Grindadrap nel 2018 (SS)
Di Andrea Centini
 
In una baia dell’isola di Suðuroy, sita nella parte meridionale dell’arcipelago delle Faroe, decine di uomini armati di coltelli, uncini e altri strumenti di morte hanno massacrato un intero branco composto da settanta balene pilota. La strage è stata consumata nel primo giorno dell’anno, inaugurando una nuova stagione di atrocità legate alla “Grindadrap”, la spietata caccia tradizionale ai cetacei.
 
Mentre in tutto il mondo si celebrava l'arrivo del 2019 alle Isole Faroe si è consumata la prima Grindadrap del nuovo anno, la caccia tradizionale ai cetacei che ha portato alla morte una settantina di globicefali (Globicepahala sp.), odontoceti conosciuti col nome comune di balene pilota.
 
Ad annunciarlo, oltre a un giornale locale online, è stata l'organizzazione ambientalista senza scopo di lucro Sea Shepherd, che da anni si batte contro le atroci mattanze che tingono di rosso le baie del piccolo arcipelago, facente parte del Regno di Danimarca.